Endodonzia

L’Endodonzia è la branca dell’Odontoiatria che si occupa delle patologie della polpa (il cosiddetto “nervo”) dei denti e degli effetti che tali patologie possono causare sui tessuti ossei limitrofi alla radice del dente interessato (“granulomi”, ascessi, fistole).

In caso di carie o di perdita di struttura dentaria (fratture) gli stimoli di origine termica o traumatica sono in grado di compromettere la vascolarizzazione e l’innervazione pulpare generando dolore ogni qualvolta viene applicato uno stimolo.

Le carie più profonde invece possono provocare un’infezione batterica diretta della polpa che può progredire nella necrosi (‘morte del nervo’) che potrà generare dolore spontaneo indipendentemente dall’applicazione dello stimolo.

Quando il danno pulpare diventa irreversibile sarà necessario il trattamento dei canali del dente interessato, terapia più comunemente nota come devitalizzazione.

Essa consiste nella completa detersione e strumentazione di ciascun canale mediante strumenti appositi e nella sua sagomatura al fine di renderne possibile la completa otturazione con un materiale inerte e sigillante (la guttaperca).

Nel nostro studio l’utilizzo di strumenti rotanti in Ni-Ti, sistemi di lenti ingrandenti, rilevatori di apice e tecniche di otturazione canalare a caldo hanno permesso di ridurre al minimo il rischio di insuccesso allungando drasticamente la sopravvivenza dei denti ‘devitalizzati’.

Anche un dente già devitalizzato può essere la causa di importanti sintomatologie dolorose, che ovviamente non sono più imputabili al dente stesso (il nervo è stato eliminato dalla precedente devitalizzazione) ma all’innervazione dei tessuti ossei e mucosi limitrofi alla radice del dente interessato.

In questi casi un canale radicolare, magari non perfettamente sigillato, è stato infettato da batteri di varia provenienza (ad es. a causa di un’otturazione o da una protesi non perfettamente impermeabili). I batteri in questo modo causano un’infezione dei tessuti attorno all’apice della radice e quindi una forte sintomatologia dolorosa che accompagnano l’ascesso.

Nei casi in cui, a seguito del ritrattamento, non scompaiano i segni e sintomi della patologia si interviene chirurgicamente accedendo direttamente alla radice attraverso l’osso otturando il canale dall’apice (in modo retrogrado) con un intervento detto apicectomia.

Il dente trattato endodonticamente necessita di essere ricostruito (con materiali e tecniche simili a quelli utilizzati per le otturazioni) per poter poi essere ricoperto da un manufatto protesico (intarsi, corone, ponti).

A seguito dei trattamenti e, particolarmente, dei ritrattamenti endodontici è buona norma eseguire dei controlli radiografici locali a tempi programmati.


Contattaci

Per fissare un appuntamento o
chiedere informazioni clicca qui, oppure:
Email: info@dentistaventrella.it
Telefono: 0805214433 – 3382153157

Orari di apertura:

Lo studio è aperto dal Lunedì al Venerdì (orario continuato):
dalle ore 09:30 alle ore 18:00.

Come Raggiungerci:

Lo studio dentistico si trova in Via Salvatore Cognetti, 25 a Bari.
Clicca qui
per visualizzare la mappa.